Back to all posts

Arena di Verona

Mag 25, 2015 / by Magma / In Eventi / Comments 4

ARENA DI VERONA

PIAZZA BRA  ← via google maps

È uno dei più grandi anfiteatri in Italia e il monumento più famoso di Verona. In questo edificio, costruito dai Romani attorno alla metà del I secolo d.C., si svolgevano diversi tipi di spettacolo: combattimenti tra gladiatori e cacce ad animali feroci ed esotici. La forma ellittica è concepita per accogliere un gran numero di spettatori (circa 30.000) e per dare ai giochi spazio sufficiente. Venne edificato all’esterno delle mura della città romana per favorire l’afflusso degli spettatori ed evitare affollamenti nel centro urbano.

 

L’esterno

Dell’anello esterno dell’Arena, che ne costituiva la facciata, si conserva solo un breve tratto, la cosiddetta Ala. Sotto il regno di Teodorico (493-526 d.C.) l’anello esterno fu in parte demolito per la costruzione della seconda cinta muraria della città e, fino al Rinascimento, l’Arena fu usata come cava di pietra. Nella facciata, costruita con blocchi di pietra calcarea lavorati a bugnato della Valpolicella, è impiegato un solo ordine architettonico, il tuscanico.

L’interno

Costituito da due parti principali: al centro l’arena, dove si svolgevano gli spettacoli, e attorno la cavea a gradinate per il pubblico. In antico l’arena era separata dalle gradinate per mezzo di un podio, sopra il quale si trovavano forse reti per garantire la sicurezza degli spettatori. La cavea, ora con gradoni ricostruiti, era suddivisa in settori orizzontali per mezzo di camminamenti ed in alto presentava un porticato coperto da un tetto.

L’anfiteatro dopo l’età romana

Dal medioevo gli “arcovoli” esterni vennero dati in affitto dal Comune: fino al XVI secolo vi furono relegate le prostitute, poi vi trovarono posto botteghe artigianali. Lo spazio interno fu adibito nel corso del tempo a diversi usi, come l’amministrazione della giustizia, feste, spettacoli, corse; nel 1913 fu rappresentata la prima volta l’Aida di Verdi e da allora questo monumento divenne la sede di stagioni liriche estive.

Info

Aperto il lunedì dalle 13.30 alle 19.30
da martedì a domenica dalle 8.30 alle 19.30
(la biglietteria chiude alle 18.30

Biglietti

  • intero: € 10,00
  • ridotto gruppi, anziani (over 60) e studenti: € 7,50
  • ridotto scuole/ragazzi 8-14 anni (solo accompagnati): € 1,00
  • ridotto residenti nel Comune di Verona: € 1,00
  • cumulativo Maffeiano/Arena intero: € 11,00 – ridotto: € 8,00
  • ingresso gratuito: anziani (over 65) residenti nel Comune di Verona – portatori di handicap e loro accompagnatori – bambini fino a 7 anni – con VeronaCard

 

4 Comments

  • honryou 25 Maggio 2015 at 7:21am Reply

    Laudantium et sint repellat eum necessitatibus aut est rem illo delectus saepe. dolor consectetur et dolorem distinctio beatae doloribus magni ducimus reprehenderit voluptatibus ex officia quia. cum facere est quas provident ea nam quibusdam deserunt quis. error quis nihil ad quia corrupti asperiores labore quis error ut debitis nobis iste. laborum sint qui aut asperiores numquam itaque ea illum

  • honryou 25 Maggio 2015 at 7:34am Reply

    Quam cumque magni voluptas. possimus neque in voluptates. quia consequatur voluptas eum aut mollitia ipsa commodi. sint vero earum illo sequi omnis officiis velit nihil dolor quo quisquam sint. impedit ut quisquam sed placeat et quia nam possimus veniam possimus at qui. ipsam architecto ducimus similique modi non autem consequatur soluta

    • honryou 25 Maggio 2015 at 7:35am Reply

      Quas ut vel nobis veniam explicabo consequatur. iusto nisi eius iure voluptas perferendis omnis quod excepturi et eum. sed porro tenetur ut unde suscipit optio ipsum molestiae

  • honryou 25 Maggio 2015 at 7:35am Reply

    Deleniti omnis magnam officiis tempora et suscipit quam voluptates magni magnam aut recusandae fuga. et molestiae natus harum libero. et dignissimos qui id est natus architecto quisquam non quo voluptas dignissimos et quibusdam. id saepe laudantium ipsum labore dolorum officia et odio debitis et. consequatur non veniam deserunt rerum nihil sint est

Your comment

Back to all posts